BLOG

Eliski: quali regole?

In attesa della programmata manifestazione del prossimo 29 marzo in Val Formazza – Piemonte - (organizzata d’intesa dalle Sezioni CAI Est Monterosa e da alcune Guide Alpine ed intitolata “No Eliski in Val Formazza”), è in corso una massiccia campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo degli elicotteri per scopi turistici nel territorio montano; pratica fortemente impattante sull’ambiente; causa di valanghe e danni alla fauna selvatica.

Il tema, a cui si era già dato ampio risalto su questo blog, conferma la sua attualità e registra la netta presa di posizione del Club Alpino Italiano, che con un proprio comunicato torna a condannare l’invasiva e indiscriminata pratica dell’eliski, dopo aver sottoposto al Governo la delicata questione della regolamentazione dei mezzi motorizzati sui territori montani per fini ludici o ricreativi.

 

 

Ad oggi l’Italia è l’unico paese confinante con l’arco alpino a non aver adottato provvedimenti limitativi per tale tipo di sorvoli e di atterraggi, che - anche nel corso della stagione invernale che sta volgendo al termine - hanno causato gravi incidenti (basti ricordare quello avvenuto in Valgrisenche, Valle d’Aosta, dove un elicottero è precipitato al suolo dopo avere lasciato in quota alcuni clienti che facevano eliski. La caduta ha innescato una valanga che ha coinvolto alcuni sciatori che si trovavano poco più a valle e che miracolosamente ne sono usciti illesi; meno fortuna hanno avuto quattro snowboarder a Livigno, che, dopo essere sbarcati dall’elicottero, sono stati travolti da una valanga: uno di loro è deceduto e gli altri sono rimasti gravemente feriti).

Le Province Autonome di Trento e Bolzano, da anni, vietano la pratica dell’eliski sul loro territorio e all’interno delle aree protette; recentemente è stato trovato un accordo per far cessare il sorvolo anche sul versante veneto della Marmolada, mentre in Valle d’Aosta l’attività è ammessa, ma regolamentata.

Nelle altre Regioni, invece, in assenza di indicazioni legislative, infuria la polemica (ampiamente ripresa dagli organi di informazione. Il dibattito continua.