BLOG

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 29 giugno 1998, n. 88

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 29 giugno 1998, n. 88; Giud. Lageder; Ö (Avv. Egger, Ghedina) c. GPD (Contumace).

 

Responsabilità civile – Sci - Scontro tra sciatori – Responsabilità dello sciatore proveniente da monte – Sussiste

 

In caso di scontro tra sciatori, risponde dei danni lo sciatore proveniente da monte ad alta velocità.

 

© Umberto Izzo - Riproduzione riservata

Testo della sentenza

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 16 marzo 1998, n. 41

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 16 marzo 1998, n. 41; Giud. Lageder; JM (Avv. Franz) c. HA e altro (Avv. Boscarolli A., Boscarolli T., Giordani).

 

Responsabilità civile – Sci - Scontro tra sciatori – Responsabilità dello sciatore proveniente da monte – Prova - Sussiste

 

In caso di scontro tra sciatori, risponde dei danni lo sciatore proveniente da monte.

 

© Umberto Izzo - Riproduzione riservata

Testo della sentenza

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 25 febbraio 1998, n. 27

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 25 febbraio 1998, n. 27; Giud. Lageder; PI (Avv. Belardi, PAfrader) c. HOCKEY CLUB A (Avv. Loner, Bertacchi, Dorner).

 

Responsabilità civile – Hockey - Spettatore colpito dal dischetto di hockey – Responsabilità dell’organizzatore della partita - Attività pericolosa - Sussiste

 

Ove un giocatore di hockey durante una partita colpisca il dischetto che, volando oltre la balaustra, impatti uno spettatore, dei danni così cagionati allo spettatore risponde l’associazione sportiva che ha organizzato la partita se la rete di protezione  allestita risulti non aver impedito l'evento dannoso.

 

© Umberto Izzo - Riproduzione riservata

Testo della sentenza

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 12 giugno 1992, n. 77

PRETORE DI BOLZANO, SEZIONE DISTACCATA DI BRUNICO; sentenza 12 giugno 1992, n. 77; Giud. Bisignano; NG (Avv. Sanzin, Kortleitner) c. FUNIVIE V (Avv. D’Apolito).

 

Responsabilità civile – Sci - Gestore dell'area sciabile - Seggiovia - Infortunio allo sbarco dalla seggiovia – Attività pericolosa - Responsabilità del gestore – Sussiste

 

Posto che la gestione di una seggiovia è un’attività pericolosa, risponde dei danni patiti dal passeggero in fase di discesa dal seggiolino il gestore dell’impianto insistente nell'area sciabile, a meno che costui provi di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno.

 

© Umberto Izzo - Riproduzione riservata

Testo della sentenza

CORTE D’APPELLO DI TRENTO, SEZIONE DISTACCATA DI BOLZANO; sentenza 18 febbraio 2009 (decisa il)

CORTE D’APPELLO DI TRENTO, SEZIONE DISTACCATA DI BOLZANO; sentenza 18 febbraio 2009 (decisa il); Pres. Est. Pacher; XX (Avv. Pallaver, De Cesaris) c. YY (Avv. Loner A., Loner V.). Conferma Trib. Bolzano, sez. dist. Brunico, 6 gennaio 2007 n. 9.

 

Responsabilità civile – Sci - Gestore dell'area sciabile - Impatto dello sciatore con il cordolo di neve a bordo pista – Responsabilità del custode – Non sussiste – Responsabilità extracontrattuale del gestore della pista – Non Sussiste

 

Posto che una pista da sci qualificata come “nera” non ne legittima l’uso da parte di uno sciatore principiante, il quale ha l’obbligo di sciare entro i limiti della pista stessa, il gestore della pista non risponde dei danni che lo sciatore principiante si procura impattando contro un cordolo di neve fresca con funzione di delimitazione della pista stessa, non costituendo tale cordolo un pericolo atipico. (Nella specie, l’appellante, assumendo che fosse prevedibile che una pista nera possa essere praticata da uno sciatore principiante e che, pertanto, un cordolo di neve fresca alto 30 cm costituisca un ostacolo innaturale, integrante una concausa dell’evento dannoso, chiedeva la riforma della sentenza di primo grado che aveva respinto la domanda di risarcimento dei danni. La corte d’appello non ha condiviso il ragionamento dell’attore ed ha rigettato l’appello, confermando la sentenza di primo grado).

 

© Umberto Izzo - Riproduzione riservata

Testo della sentenza

CORTE D’APPELLO DI TRENTO, SEZIONE DISTACCATA DI BOLZANO; sentenza 25 giugno 2008 (decisa il)

CORTE D’APPELLO DI TRENTO, SEZIONE DISTACCATA DI BOLZANO; sentenza 25 giugno 2008 (decisa il); Pres. Est. Pacher; XX (Avv. Wenter) c. YY (Avv. Boscarolli). Conferma Trib. Bolzano, 15 maggio 2007 (decisa il), dep. 24 maggio 2007 n. 729.

 

Responsabilità civile – Sci - Scontro tra sciatori – Nesso di causa – Non sussiste - Prova

 

In caso di scontro tra sciatori, deve essere respinta la domanda giudiziale se l’attore non prova il nesso causale tra l’incidente e l’evento dannoso. (Nella specie, la CTU aveva accertato in primo grado che la lesione non era riconducibile all’incidente per cui era causa e il giudice aveva respinto la domanda giudiziale. In appello, la Corte respinge la domanda confermando la sentenza di primo grado, rifiutando le richieste istruttorie in quanto non idonee a chiarire il nesso causale).

 

© Umberto Izzo - Riproduzione riservata

Testo della sentenza